Ti trovi qui:Articoli»Articoli e Notizie»Asilo Nido: Si o No? - Asili Nido
TROVA UN ASILO A:

specifica i servizi (opzionale):

Asilo Nido: Si o No?

Asilo si o no? Il dubbio dei genitoriIL DILEMMA DEI GENITORI INDECISI

Indecisi se mandare il bambino in asilo? Non preoccupatevi, non siete i soli. Sono moltissimi i genitori che, quando vedono la necessità (o anche solo la possibilità) di allontanarsi dal loro bambino, reagiscono con un po’ di timore e iniziano a porsi domande sull’utilità dell’asilo nido.

Prima di dedicere di tenere il bambino a casa è bene considerare i diversi aspetti di questa scelta, quelli positivi e anche quelli negativi.

 
ASPETTI POSITIVI DELL'ASILO

La Socializzazione
Al nido i bambini trovano un ambiente studiato su misura per le loro, imparano a interagire con adulti e coetanei diversi da quelli che fanno parte del loro nucleo familiare. I piccoli fanno il loro primo ingresso in società: sarà poi molto più semplice e naturale per loro continuare con la scuola materna.

Possibilità di Conoscere e Imparare cose nuove

All’asilo il bambino può conoscere e imparare tante nuove attività, molte di più rispetto a quelle che possono offrire la mamma o la famiglia. Educatrici e educatori cercano sempre di insegnare cose nuove e interessanti, adatte al loro percorso di crescita.

Inserimento facilitato a scuola
Un bimbo che ha frequentato l’asilo nido quando deve andare a scuola lo fa più volentieri, senza pianti, capricci o scenate. Questo sia per quanto riguarda l’inserimento alla scuola materna che più tardi alle elementari.

QUALCHE ASPETTO NEGATIVO

Malattie
Il contatto quotidiano con tanti altri bambini sottopone il vostro a tante malattie. Il risultato è che il bambino si ammala più spesso. Il sistema immunitario però ne uscirà rinforzato: i bambini che hanno frequentato l’asilo nido si ammalano infatti pochissimo, rispetto ai coetanei, negli anni successivi.

Distacco dalla mamma
Il distacco dalla mamma per tanto tempo durante la giornata può essere causa e motivo di sofferenza per entrambi. In realtà è solo questione di pazienza, tempo e abitudine. Gli psicologi sostengono comunque che il periodo migliore per il primo distacco sia dal secondo semestre di vita, quando cioè il bambino inizia a sviluppare in sé la figura della mamma come un essere staccato da lui.

Frustrazioni nel rapportarsi con gli altri
All’asilo il bambino farà le prime litigate e subirà i primi dispetti dei più grandi. Non è però in fondo una cosa negativa, l’asilo è una scuola di vita: già così piccolino dovrà affrontare i primi disagi emotivi e psicologici causati dal rapporto con gli “altri”.
Redazione di AsiliNido.biz