Ti trovi qui:Articoli»Articoli e Notizie»Coltivare l'Orto all'Asilo Nido - Asili Nido
TROVA UN ASILO A:

specifica i servizi (opzionale):

Coltivare l'Orto all'Asilo Nido

Bambino ortoPICCOLI GIARDINIERI CRESCONO

Cosa c'è di più bello che insegnare nuove attività ai bambini? Per loro tutto è una scoperta, tutto ha il sapore della novità ed è noto come fin dalla più tenera età i bambini introiettano valori, princìpi e, perché no, passioni del mondo dei "grandi".

Si spiega così l'importanza di iniziare con loro l'attività della coltivazione di un piccolo orto o giardino, grazie al quale impareranno l'amore e il rispetto per la natura e riceveranno molte soddisfazioni nel veder crescere le proprie piantine. I bambini amano infatti la natura, le piante, i fiori e gli animali. Amano anche stare all'aperto, sporcarsi e imparare a fare cose nuove. Ecco allora come fare insieme un'attività utile, educativa e divertente, sia a casa che all'asilo.

È infatti all'asilo nido e alla scuola materna che molti bambini trascorrono la maggior parte delle loro giornate: ecco perché acquistano una marcia in più i progetti educativi che prevedono tra le attività proposte anche la coltivazione dell'orto.

 
OBIETTIVI DELL'ATTIVITÀ DELL'ORTO

Due gli scopi principali di questa attività all'asilo: avvicinare il bambino all'ambiente ed educarlo alla cura delle piante. Coltivando l'orto il bambino potrà inoltre:

- acquisire autostima
e fiducia nelle proprie capacità, perché proverà il piacere di far crescere fiori e piante, sentendosi utile e in grado di prendersi cura di una nuova vita
- imparare il ciclo delle stagioni
, osservando le trasformazioni della natura e delle piante
- prendere confidenza con i prodotti dell'orto
e provare soddisfazione nel vedere il frutto del suo lavoro diventare alimento indispensabile in cucina
- apprezzare di più le verdure
, provando ad assaggiarle

ALCUNI CONSIGLI UTILI


Ecco allora qualche consiglio utile per lavorare assieme ai bambini nell'orto dell'asilo o di casa.

Prima di tutto è indispensabile "vestire" i piccoli contadini in modo adeguato, così da evitare che si possano sporcare oppure fare male: stivali di gomma, tutina che si può sporcare, cappellino o cuffietta e un antizanzare naturale, se necessario.

È bene acquistare anche per loro attrezzi da lavoro su misura: una piccola pala, un rastrellino, un secchiello, il cono per fare i buchi, l'annaffiatoio e qualche piccolo vaso. Si può iniziare a coltivare l'orto con la prima vera operazione: formare le aiuole. I bambini manipoleranno la terra per realizzare piccoli solchi.

I semi e le piantine: quali scegliere? Decidere cosa piantare risulterà più divertente e stimolante se fatto tutti insieme. Rendete dunque partecipe della semina, verdura o fiori che siano, anche i bambini. Ameranno senz'altro i rapanelli che hanno scelto di piantare, mangeranno i pisellini che hanno voluto, si divertiranno a vedere come crescono le loro melanzane. Seguiranno curiosi lo schiudersi dei narcisi o dei tulipani, imparando anche a riconoscere il profumo del mughetto. Come ricordato, il fatto di partecipare già dall'inizio a un'operazione così importante come quella dell'orto rende consapevole il piccolo delle proprietà benefiche delle verdure naturali e rispettoso nei confronti del verde e della natura in genere.

Prediligete il più possibile la realizzazione di un orto biologico, che non faccia cioè uso di pesticidi o sostanze irritanti, e di un giardino spontaneo, con piante tipiche del territorio o erbe selvatiche che si possono anche raccogliere e utilizzare (camomilla e tarassaco, ad esempio).

Fate attenzione che i bambini non tocchino alcuni semi, foglie, radici, bacche o fiori che possano essere velenosi, come per esempio: l'aconito, l'agrifoglio, l'anemone, il bosso, la belladonna, il ciclamino, il faggio, la ginestra, il mughetto, l'oleandro, il ricino, il tasso e il tulipano, tra gli altri.

Preparate infine un quaderno per ogni bambino, in cui poter incollare le foglie, disegnare gli esperimenti, scrivere il "calendario dell'orto". Non dimenticate di premiare i bambini con un divertente "diploma da giardiniere". Buon divertimento!