Ti trovi qui:Articoli»Articoli e Notizie»Il Metodo Educativo degli Asili Nido - Asili Nido
TROVA UN ASILO A:

specifica i servizi (opzionale):

Il Metodo Educativo degli Asili Nido

Il bambino parla meglio all'asilo?PARLARE A CASA, PARLARE ALL'ASILO

Se siete genitori di bambini piccoli, lo avrete già notato: a casa hanno un linguaggio diverso da quello usato all'asilo. Infatti i più grandicelli al nido e alla materna parlano e si spiegano bene, usando talvolta parole nuove, mentre a casa si esprimono poco e male, dicendo monosillabi o parole pronunciate male. Come mai?

Non è certo un problema che richieda l'intervento di logopedisti o neuropsichiatri infantili: il fatto è, semplicemente, che l'asilo adotta un preciso metodo educativo per insegnare a parlare. Prendiamo come esempio un bambino che frequenta l'asilo nido.

Assieme ai coetanei e all'educatrice riesce a dire nuove parole, a pronunciare consonanti difficili come la "r". Una volta arrivato a casa, invece, è già un buon risultato se riusciamo a sentirlo dire "mamma" e "papà". Un problema c'è, ma non è nel bambino, bensì nello stimolo a cui è sottoposto, che a casa è diverso da quello dell'asilo.

 
LINGUAGGIO VERBALE E NON VERBALE

Per il bambino la comunicazione con mamma e papà è immediata: i genitori conoscono il suo modo di fare, le sue espressioni, i gesti, le smorfie, e capiscono ciò di cui ha bisogno senza che il bambino debba spiegarlo a parole. All'asilo, invece, questo rapporto di comprensione non verbale viene a mancare, e il bambino è costretto a comunicare parlando.

Altra grande differenza sta nell'essere circondato da altri bambini, non sempre coetanei. I più grandi si esprimono solitamente meglio e il bambino impara da loro, imitandoli. È uno stimolo naturale, ben diverso dall'imitare i propri genitori o le persone più grandi della famiglia. Questo le educatrici lo sanno bene: il metodo educativo prevede appunto di spronare il più possibile a usare il linguaggio verbale.

Anche quando il comportamento del bimbo parla da solo (se stringe le gambe è perché deve andare in bagno, se fa i capricci è perché ha sonno, eccetera), le educatrici dell'asilo devono pretendere che il bambino esprima a parole ciò di cui ha bisogno. Altro caposaldo del metodo educativo dell'asilo consiste nel leggere ai bambini le favole, le fiabe ed i racconti, mentre per i più piccoli sono adatte le canzoncine dello Zecchino d'Oro o dei cartoni.

SPINGERE IL BAMBINO AD ESPRIMERSI DA SOLO

Questo metodo educativo può essere adottato anche dai genitori, ovviamente, ma spesso non riesce: perché? L'errore più comune di mamme e papà è quello di "aiutare" il bambino a esprimersi, completando la parola o l'intera frase, nella speranza che il bimbo la ripeta per intero. Niente di più sbagliato!

L'apprendimento del linguaggio dev'essere attivo: il bambino deve impegnarsi e non succederà mai se viene puntualmente aiutato. E questo non richiede solo l'impegno del bambino, ma anche dei genitori, che devono mettere da parte il loro istinto e lasciare al bambino il difficile compito di imparare a parlare.
Redazione di Asilinido.biz