Ti trovi qui:Articoli»Comunicati stampa»Pdl: Camber, baby parking, garantita prosecuzione attività - Asili Nido
TROVA UN ASILO A:

specifica i servizi (opzionale):

Pdl: Camber, baby parking, garantita prosecuzione attività

Pdl: Camber baby parkingNel corso dell'incontro tenuto con l'Associazione baby parking di Trieste, il consigliere regionale del Pdl Piero Camber ha reso noto l'accordo intervenuto con la direzione regionale all'Istruzione che consentirà ai baby parking di continuare l'attività allargando le limitazioni imposte dall'attuale regolamento.

Regolamento che consente - rileva Camber - la prosecuzione dell'attività delle strutture, imponendo però alcune limitazioni che hanno provocato disagi a famiglie e operatori. Camber ha annunciato di aver depositato un emendamento alla Finanziaria regionale, concordato con l'assessore Molinaro, che consentirà di accogliere per i prossimi due anni i piccoli anche per una durata superiore alle sei ore giornaliere, e ciò anche per quelli di età inferiore all'anno.

Si tratta - ha spiegato il consigliere - di un'importante apertura che permetterà ai baby parking già operativi di proseguire con l'attività nei prossimi due anni, dando un servizio importante alle famiglie. La norma studiata - prosegue Camber - prevede che la deroga debba essere autorizzata dal Comune competente ed è limitata ai Comuni ad alta densità abitativa, dove cioè è più probabile trovare situazioni difficili per le famiglie.

Nella nostra Regione, i Comuni ad alta densità abitativa sono delimitati con delibera ministeriale e sono i quattro capoluoghi, cui si aggiungono Basiliano, Cervignano, Duino-Aurisina, Monfalcone, Muggia e Tavagnacco. In questi Comuni, quindi, appena approvata la norma in Consiglio regionale, sarà possibile attivare la procedura di deroga sino al 31 agosto 2013 che consentirà alle famiglie di contare su questo tipo di servizio per l'accoglienza dei bambini.

I prossimi mesi saranno molto importanti - conclude Camber - per valutare le ricadute che avranno le norme regionali su famiglie e operatori, tenendo conto che la crisi economica sta creando scenari e situazioni inedite che rendono necessarie flessibilità e attenzione ai fenomeni in atto.